I giovani adulti con schizofrenia hanno il più alto rischio di suicidio

Punti chiave

  • I pazienti adulti di Medicare con schizofrenia avevano una probabilità 4,5 volte maggiore di morire per suicidio rispetto alla popolazione generale degli americani.
  • Gli uomini erano a maggior rischio di suicidio rispetto agli altri sessi e il rischio di suicidio era più basso tra gli anziani con schizofrenia.
  • Tra i giovani adulti, maggiori rischi di suicidio erano associati ai pazienti bianchi, così come una storia di uso di sostanze, ideazione suicidaria, tentativi di suicidio, autolesionismo, ecc.

La schizofrenia pone molte sfide, incluso il rischio di suicidio. Un recente studio in JAMA Psichiatria ha scoperto che i pazienti di Medicare di età compresa tra 18 e 34 anni con schizofrenia hanno il più alto rischio di suicidio

Con i tassi di suicidio in aumento negli Stati Uniti, questi risultati della ricerca possono aiutare con la necessaria sensibilizzazione e programmazione per supportare i bisogni di salute mentale dei pazienti con schizofrenia in tutto il paese.

Soprattutto dato che il trattamento della schizofrenia e del rischio di suicidio continua ad essere limitato dalle disparità sanitarie razziali, studi successivi devono esplorare ulteriormente come l'oppressione possa esacerbare gli alti rischi di suicidio.

Se hai pensieri suicidi, contatta la National Suicide Prevention Lifeline all'indirizzo 1-800-273-8255 per il supporto e l'assistenza di un consulente qualificato. Se tu o una persona cara siete in pericolo immediato, chiamate il 911.

Per ulteriori risorse sulla salute mentale, consultare il nostro database della linea di assistenza nazionale.

Capire la ricerca

Sulla base di questo studio di coorte su 668.836 pazienti con schizofrenia e copertura Medicare, i partecipanti hanno dimostrato un rischio di suicidio maggiore rispetto alla popolazione generale degli americani, con il tasso più alto tra quelli di età compresa tra 18 e 34 anni e il tasso più basso tra quelli di età pari o superiore a 65 anni.

Nella popolazione generale degli americani, il rischio di suicidio tende ad aumentare con l'età, ma questo studio ha rilevato che tra le persone con schizofrenia, fattori di rischio come ideazione suicidaria, tentativo di suicidio, autolesionismo, uso di sostanze, ospedalizzazione psichiatrica ospedaliera e visite al pronto soccorso declinare con l'età.

Un limite di questo studio è il potenziale bias di selezione perché il campione includeva solo pazienti Medicare con schizofrenia che erano stati arruolati per almeno 1 anno con almeno 1 codice di schizofrenia ospedaliera o almeno 2 ambulatoriali, quindi questi fattori possono influire sui risultati di questa ricerca .

Gli interventi devono rispondere all'oppressione

La psicologa clinica Aimee Daramus, PsyD, afferma: "Questo studio è un punto di partenza quando si cerca di creare interventi mirati per prevenire il suicidio nelle persone con schizofrenia. Durante l'adolescenza, il suicidio tende ad essere una risposta al bullismo e al rifiuto sociale o all'isolamento, ma come le persone entrano nell'età adulta, e nei maschi in particolare, il suicidio è più spesso legato alla disperazione riguardo al raggiungimento degli obiettivi finanziari, di carriera e di altri adulti".

In termini di età, Daramus sottolinea che la schizofrenia si manifesta spesso nella tarda adolescenza e tra i primi venticinque anni, quindi l'aumento dei tassi di suicidio può essere dovuto ai modi in cui la schizofrenia è associata al rifiuto sociale e alla maggiore difficoltà nel raggiungere gli obiettivi di carriera. Daramus avverte che gli individui BIPOC e LGBTQ sono ulteriormente emarginati, poiché spesso affrontano anche gli impatti negativi di razza, sessualità e genere.

Daramus dice: "Se qualcuno viene rifiutato dalla sua famiglia per il suo orientamento sessuale o genere, avrà un rischio maggiore di essere un senzatetto, oltre alla deriva sociale verso il basso che lascia molte persone con schizofrenia senza casa".

Aggiunge che un intervento efficace deve riguardare qualcosa di più della semplice terapia e dei farmaci. "Abbiamo anche bisogno di interventi per l'alloggio, il lavoro, l'istruzione e interventi educativi a livello di comunità per ridurre lo stigma. Questo pezzo di ricerca è un pezzo importante di un puzzle complesso", afferma.

Aimee Daramus, Psy.D.

Gli interventi efficaci non possono riguardare solo la terapia e i farmaci. Abbiamo anche bisogno di interventi per l'alloggio, il lavoro, l'istruzione e interventi educativi a livello di comunità per ridurre lo stigma.

- Aimee Daramus, Psy.D.

L'emarginazione può esacerbare i sintomi psicotici

Leela R. Magavi, MD, psichiatra formata dalla Johns Hopkins e direttrice medica regionale per Community Psychiatry, afferma: "Molte persone non sono in grado di mantenere relazioni con i propri cari o di mantenere un lavoro. Questo porta ai senzatetto e all'uso di sostanze, l'ultimo dei quali può esacerbare i sintomi psicotici. Inoltre, molti individui schizofrenici sperimentano allucinazioni uditive di comando spaventose in cui sentono una voce, che ordina loro di danneggiare se stessi o gli altri".

Mentre la realtà della navigazione tra i sintomi positivi e negativi della schizofrenia può essere difficile, Magavi afferma che è possibile assistere collettivamente gli individui schizofrenici e le loro famiglie con un adeguato supporto comunitario, terapia e gestione dei farmaci.

Magavi afferma: "Quando gli individui sperimentano per la prima volta le voci, spesso sperimentano una significativa depressione e ansia. Ciò potrebbe causare attacchi di panico e ritiro sociale, nonché vergogna, senso di colpa e paura del rifiuto. Per questo motivo, alcuni individui si automedicano con alcol e sostanze. per intorpidire il dolore e attenuare le voci. L'astinenza da alcol, l'uso di cocaina e l'uso di marijuana possono scatenare e aggravare i sintomi psicotici.

Cosa significa per te?

Questi risultati della ricerca dimostrano come la schizofrenia possa aumentare il rischio di morte per suicidio, soprattutto tra i soggetti di età compresa tra 18 e 34 anni, che sono uomini, bianchi, con una storia di uso di sostanze, ideazione suicidaria, tentativi di suicidio, autolesionismo, ecc.

Mentre la schizofrenia può essere gestita, i programmi di prevenzione del suicidio devono rispondere con approcci mirati per coloro che sono maggiormente a rischio, con un'ulteriore considerazione di come l'emarginazione può avere un impatto negativo su questi risultati di salute.

Aiuterete lo sviluppo del sito, condividere la pagina con i tuoi amici

wave wave wave wave wave