Disturbo evitante di personalità: definizione, sintomi, tratti, cause, trattamento

Che cos'è il disturbo evitante di personalità?

Il disturbo evitante di personalità (AVPD) è un modello di comportamento duraturo correlato all'inibizione sociale, ai sentimenti di inadeguatezza e alla sensibilità al rifiuto che causa problemi nelle situazioni lavorative e nelle relazioni.

Il disturbo è caratterizzato da estrema timidezza e sensibilità alle critiche degli altri ed è noto come disturbo di personalità del Cluster C o uno che coinvolge disturbi di personalità ansiosi e paurosi.

L'AVPD è spesso associato ad altre condizioni di salute mentale come i disturbi d'ansia, in particolare il disturbo d'ansia sociale. Le persone con il disturbo mostrano un modello di evitamento dovuto alla paura del rifiuto o della disapprovazione, che vivono come estremamente dolorose. Il disturbo colpisce circa il 2,5% della popolazione, con un numero approssimativamente uguale di uomini e donne che ne sono affetti.

Sintomi

Di seguito è riportato un elenco di sintomi comuni associati al disturbo evitante di personalità:

  • Un bisogno di essere benvoluto
  • Anedonia (mancanza di piacere nelle attività)
  • Ansia di dire o fare la cosa sbagliata
  • Ansia nelle situazioni sociali
  • Evitare i conflitti (essere un "piacere alle persone")
  • Evitare l'interazione negli ambienti di lavoro o rifiutare le promozioni
  • Evitare relazioni intime o condividere sentimenti intimi
  • Evitare di prendere decisioni
  • Evitare situazioni per paura del rifiuto
  • Evitare situazioni o eventi sociali
  • Facilmente ferito da critiche o disapprovazione
  • Estrema autocoscienza
  • Mancato avvio del contatto sociale
  • Contegno timoroso e teso
  • Sentimenti di inadeguatezza
  • Ipersensibilità alla valutazione negativa
  • Mancanza di assertività
  • Mancanza di fiducia negli altri
  • Bassa autostima
  • Interpretare erroneamente situazioni neutre come negative
  • Nessun amico intimo/manca un social network
  • Auto-isolamento
  • Inibizione sociale
  • Non disposti a correre rischi o provare cose nuove
  • Considerarsi socialmente inetti o inferiori
  • Vigile per i segni di disapprovazione o rifiuto

Diagnosi

Il disturbo evitante di personalità può essere diagnosticato solo da un professionista della salute mentale qualificato sulla base dei criteri delineati nel in Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5). Mentre un medico di famiglia può essere il primo punto di contatto per una diagnosi, il medico dovrebbe fare riferimento a uno psicologo, uno psichiatra o un altro professionista della salute mentale per la diagnosi.

Il disturbo evitante di personalità viene tipicamente diagnosticato negli adulti, poiché le personalità dei bambini sono ancora in via di sviluppo e comportamenti come la timidezza possono essere esperienze normali nell'infanzia che in seguito vengono superate.

Secondo il DSM-5, una persona deve avere un modello coerente di evitare il contatto sociale, essere eccessivamente sensibile al rifiuto e alle critiche e sentirsi inadeguata, come mostrato da almeno quattro dei seguenti criteri:

  • Evitamento di attività lavorative che comportano contatti sociali significativi per paura di critiche, disapprovazione o rifiuto
  • Riluttanza a impegnarsi con gli altri a meno che tu non sia certo che gli piacerai
  • Trattenere le relazioni intime per paura di essere ridicolizzato o umiliato
  • Preoccupazione per le critiche o il rifiuto in situazioni sociali
  • Inibizione in nuove situazioni sociali a causa del sentirsi inadeguati
  • Sentimenti di essere socialmente inetti, poco attraenti o inferiori agli altri
  • Esitazione a correre rischi o fare cose nuove per paura dell'imbarazzo

cause

Si pensa che le cause del disturbo evitante di personalità coinvolgano fattori genetici, ambientali, sociali e psicologici. L'abuso emotivo, la critica, il ridicolo o la mancanza di affetto o nutrimento da parte di un genitore o di un caregiver durante l'infanzia possono portare allo sviluppo di questo disturbo di personalità se sono presenti anche altri fattori. Allo stesso modo, il rifiuto da parte dei pari può essere un fattore di rischio.

Spesso, gli individui con il disturbo sono molto timidi da bambini e non superano questa timidezza con l'età.

Il disturbo d'ansia sociale e il disturbo evitante di personalità condividono sintomi e genetica simili, con l'AVPD che è la forma più grave della condizione.

Condizioni correlate

Il disturbo evitante di personalità può coesistere e sovrapporsi a una varietà di altre condizioni, tra cui:

  • Disturbo d'ansia sociale
  • Disturbo dipendente di personalità
  • Disturbo Borderline di Personalità (BPD)
  • Disturbo da uso di sostanze
  • Depressione
  • Agorafobia

Trattamento

La maggior parte delle persone con disturbo evitante di personalità non cerca cure. Quando lo fanno, spesso è per uno specifico problema di vita che stanno vivendo o altri tipi di sintomi come depressione e ansia, e di solito interromperanno il trattamento se il problema viene risolto .

Il disturbo evitante di personalità può essere difficile da trattare come altri disturbi di personalità perché è un modello di comportamento duraturo e può essere difficile per la persona che vive con il disturbo riconoscere che l'aiuto psicoterapeutico è necessario e può essere utile.

Sfortunatamente, le prospettive per le persone con disturbo evitante di personalità che non cercano un trattamento sono piuttosto desolanti: in genere si autoisolano e usano l'evitamento come unica strategia di coping.

D'altra parte, quando il trattamento viene applicato con successo, può aiutare a ridurre i sintomi e aumentare la gamma di strategie di coping che la persona può utilizzare per gestire la propria ansia. Una persona con disturbo evitante di personalità sarà probabilmente sempre un po' timida, ma l'evitamento non dominerà i suoi pensieri.

Terapia della parola

La terapia del linguaggio per il disturbo evitante di personalità può includere la terapia cognitivo comportamentale (CBT), la terapia psicodinamica e la terapia dello schema. Anche la terapia di gruppo e l'addestramento alle abilità sociali possono essere utili.

La CBT è utile per imparare a cambiare i modelli di pensiero inutili, mentre la terapia psicodinamica ha lo scopo di essere consapevoli di come le esperienze passate, il dolore e i conflitti possano contribuire ai sintomi attuali.

La Schema Therapy per il disturbo evitante di personalità è un approccio integrativo che si basa sulla CBT e su molte altre tecniche terapeutiche. Si concentra sulla relazione terapeutica tra terapeuta e cliente e ha l'obiettivo di migliorare il funzionamento quotidiano e ottenere informazioni per il cambiamento basate sulla comprensione e la reingegnerizzazione delle prime esperienze di vita.

Una caratteristica chiave della Schema Therapy è il "reparenting limitato", in cui il cliente esprime i bisogni dell'infanzia e impara a sviluppare e interiorizzare una voce genitoriale sana.

Concetti principali della Schema Therapy

Nella Schema Therapy, il cliente apprende quattro concetti principali:

  1. Come gli schemi disadattivi sono schemi che si ripetono per tutta la vita. life Questi schemi sono raggruppati in cinque aree: disconnessione e rifiuto, autonomia e prestazioni compromesse, limiti compromessi, responsabilità e standard eccessivi, eccessiva vigilanza e inibizione.
  2. Quali stili di coping sono stati appresi da bambino (ad esempio, fuga, reazione).
  3. Quali modalità dello schema vengono utilizzate per far fronte e in che modo non sono utili (ad esempio, evitamento, distacco, conformità, punizione).
  4. Come sviluppare modalità di coping per adulti sane e soddisfare i bisogni emotivi fondamentali.

Farmaco

Sebbene attualmente non ci siano farmaci specificamente approvati per il trattamento del disturbo evitante di personalità, se una persona ha altri disturbi correlati come depressione o ansia, possono essere prescritti farmaci per aiutare con questi sintomi.

Ad esempio, i farmaci antidepressivi possono essere utili per migliorare l'umore e l'anedonia, ridurre i sintomi dell'ansia e possono anche ridurre la sensibilità al rifiuto.

I 9 migliori programmi di terapia online Abbiamo provato, testato e scritto recensioni imparziali dei migliori programmi di terapia online tra cui Talkspace, Betterhelp e Regain.

far fronte

Uno dei primi passi per migliorare la qualità della vita con il disturbo evitante di personalità è riconoscere i segni. Comprendendo i tuoi sintomi specifici, sarai in grado di lavorare meglio con il tuo terapeuta per trovare modi per aggirarli.

Considera di coinvolgere anche amici e familiari nella tua terapia, in modo che capiscano meglio cosa stai attraversando e come aiutarti.

Anche la cura di sé è essenziale, inclusa la ricerca di capacità di coping sane che ti impediscano di ricorrere a droghe o alcol, fumare, mangiare troppo o farti del male quando stai attraversando un momento difficile.

Se tu o una persona cara state lottando con il disturbo evitante di personalità, contattate la linea di assistenza nazionale per l'abuso di sostanze e i servizi di salute mentale (SAMHSA) al numero 1-800-662-4357 per informazioni sulle strutture di supporto e trattamento nella vostra zona.

Per ulteriori risorse sulla salute mentale, consultare il nostro database della linea di assistenza nazionale.

Una parola da Verywell

Se pensi che qualcuno che conosci o ami possa convivere con i sintomi del disturbo evitante di personalità, è importante incoraggiare quella persona a cercare aiuto. Senza un trattamento professionale come la terapia della parola, è improbabile che i sintomi e il relativo impatto sulle relazioni migliorino.

Aiuterete lo sviluppo del sito, condividere la pagina con i tuoi amici

wave wave wave wave wave