Meccanismo d'azione in sanità

Il termine "meccanismo d'azione" è un termine farmacologico comunemente usato quando si parla di farmaci o droghe. Si riferisce a come il farmaco agisce a livello molecolare nel corpo. Il termine La "modalità d'azione", d'altra parte, è talvolta usata per descrivere la risposta o l'effetto più generale del farmaco, ad esempio ciò che una persona prova quando assume il farmaco.

Meccanismo di azione e modo di agire sono talvolta usati in modo intercambiabile, sebbene quest'ultimo possa essere usato in termini più generali.

Ecco cosa significa se il tuo operatore sanitario utilizza i termini meccanismo d'azione o modalità d'azione quando discute il tuo trattamento, nonché esempi di come i termini possono essere applicati a condizioni mediche e di salute mentale.

Definizione

Gli operatori sanitari, come medici, farmacisti e psichiatri, usano spesso il termine meccanismo d'azione quando parlano di farmaci. Se stai parlando con un operatore sanitario di un farmaco che ti è stato prescritto, probabilmente inizierà spiegando cosa dovrebbe fare il farmaco.

Il meccanismo d'azione si riferisce al processo biochimico attraverso il quale un farmaco produce il suo effetto.

Ad esempio, se hai un'infezione batterica, il medico potrebbe dire che hai bisogno di un antibiotico. Potrebbero spiegare che ti stanno prescrivendo un antibiotico specifico perché è molto efficace nel colpire i batteri specifici che ti stanno facendo ammalare.

Come viene determinato il meccanismo d'azione

Usando l'esempio degli antibiotici, quando gli scienziati stanno ricercando trattamenti antibiotici in laboratorio, possono vedere quanto siano efficaci i diversi farmaci nel combattere batteri specifici. Studiano le cellule da vicino e osservano come interagiscono. Le loro osservazioni rivelano come il farmaco attacca e uccide i batteri.

Quando discutono del modo esatto in cui un farmaco agisce sul suo bersaglio, lo chiamano meccanismo d'azione del farmaco.

I farmaci si legano ai recettori che si trovano sulla superficie delle cellule o all'interno del citoplasma (una sostanza gelatinosa all'interno di una cellula). Dopo che i recettori si legano a una cellula, il farmaco assumerà uno dei due ruoli: agonista o antagonista.

Agonisti contro antagonisti

I farmaci agonisti attivano i recettori a cui si legano. Questo legame aumenterà o diminuirà l'attività all'interno della cellula. I farmaci antagonisti fanno l'opposto; bloccheranno i recettori e impediranno il legame degli agonisti naturali all'interno del corpo

La maggior parte dei farmaci si lega a un tipo specifico di recettore (noto come selettività del recettore). La capacità di un farmaco di legarsi a un determinato recettore è determinata dalla sua struttura chimica unica

Esempi

Quando una persona assume un farmaco per curare una condizione, il meccanismo d'azione è il processo biologico specifico attraverso il quale il farmaco tratta il problema sottostante e/o riduce i sintomi. A volte il meccanismo d'azione di un farmaco è noto, altre volte non è completamente compreso.

Ad esempio, il meccanismo d'azione degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) è ben noto. Gli SSRI inibiscono la ricaptazione della serotonina nel cervello, il che consente di aumentare i livelli del neurotrasmettitore. Avere più serotonina può aiutare ad alleviare i sintomi della depressione e migliorare l'umore di una persona.

A volte, il meccanismo d'azione di un farmaco è sconosciuto. Gli scienziati possono vedere e misurare che un farmaco sta funzionando, ma non sanno ancora come funziona. Ad esempio, il litio (uno stabilizzatore dell'umore usato per trattare il disturbo bipolare) dimostra un chiaro effetto sui sintomi, ma il processo biologico mediante il quale esercita questo effetto non è del tutto chiaro.

Alcuni farmaci hanno più di un meccanismo d'azione noto. È stato osservato che la caffeina colpisce più di un recettore nel cervello, che produce effetti in più sistemi del corpo. Ad esempio, bere una tazza di caffè potrebbe aumentare la frequenza cardiaca e anche stimolare le contrazioni intestinali.

Altri usi

I termini meccanismo d'azione e modalità d'azione sono occasionalmente usati anche per descrivere trattamenti non farmacologici, in particolare quando si parla di disturbi di salute mentale.

Ad esempio, quando si descrive un intervento psicosociale come la psicoterapia, il meccanismo d'azione sarebbe l'intervento specifico che produce un cambiamento nei sintomi di una persona. Tuttavia, questi interventi sono complessi e di solito si basano su molteplici meccanismi sia della persona in terapia che del terapeuta.

Una parola da Verywell

Capire cosa significa il meccanismo d'azione quando parli con il tuo medico del tuo trattamento medico o di salute mentale può aiutarti a concettualizzare come il farmaco o la terapia potrebbero supportare il tuo recupero e ti senti meglio.

In caso di domande sul meccanismo d'azione di un farmaco o trattamento consigliato dal medico, chiedere chiarimenti. Il concetto può essere un po' difficile da spiegare, ma è importante che tu abbia una chiara comprensione di come dovrebbe funzionare il trattamento che ti è stato somministrato, nonché quali segni cercare che potrebbero suggerire che non è l'opzione più efficace per voi.

Aiuterete lo sviluppo del sito, condividere la pagina con i tuoi amici

wave wave wave wave wave