Disturbo di conversione: sintomi, cause, trattamento

Che cos'è il disturbo di conversione?

Il disturbo di conversione (noto anche come disturbo da sintomi neurologici funzionali) è una condizione psicologica che causa sintomi che sembrano essere neurologici, come paralisi, disturbi del linguaggio o tremori, ma senza cause organiche evidenti o note. In passato, questi gli eventi venivano spesso definiti "cecità isterica" ​​o "paralisi isterica".

Il disturbo di conversione è una malattia mentale relativamente rara, con 2-5 persone su 100.000 che segnalano sintomi all'anno. È classificato come un tipo di disturbo da sintomi somatici, secondo il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), la guida diagnostica leader per la professione di salute mentale.

Comprendere la definizione medica di disturbo di conversione è il primo passo per ottenere aiuto per te stesso o per qualcuno che ami.

Sintomi

Di solito c'è un'insorgenza improvvisa di sintomi che influenzano la funzione motoria o sensoriale volontaria e questi sintomi possono scomparire altrettanto improvvisamente, senza alcuna ragione fisiologica.

I sintomi fisici del disturbo di conversione sono spesso descritti come il modo in cui il tuo corpo affronta lo stress irrisolto o le emozioni inespresse che hanno scatenato il disturbo. In altre parole, i sintomi fisici distraggono la persona dalla costrizione emotiva. Il disturbo di conversione colpisce tipicamente la funzione di movimento così come i sensi.

I sintomi del disturbo di conversione possono riguardare qualsiasi deficit neurologico immaginabile, tra cui:

  • Camminata anormale o tremori
  • Cecità o visione doppia
  • Sordità o problemi di udito
  • Disturbi nel coordinamento
  • Episodio di mancanza di risposta
  • Perdita di equilibrio
  • Perdita dell'olfatto (anosmia)
  • Perdita di tatto (anestesia)
  • Perdita della voce (afonia)
  • Intorpidimento o perdita della sensazione tattile
  • Convulsioni o convulsioni
  • Eloquio confuso o incapacità di parlare
  • Cecità temporanea o visione doppia
  • Difficoltà a deglutire o sensazione di "un nodo" in gola
  • Debolezza o paralisi

Diagnosi

Il DSM-5 offre diversi criteri specifici per la diagnosi del disturbo di conversione, tra cui:

  • Ci deve essere almeno un sintomo di compromissione sensoriale o motoria.
  • I sintomi non sono causati da una condizione neurologica, da una malattia fisica o dall'uso di sostanze.
  • I sintomi sono associati a un disagio significativo.
  • I sintomi non sono meglio spiegati da un'altra condizione fisica o psicologica.

Diagnosi differenziale

Il tuo medico dovrà anche escludere condizioni che potrebbero causare sintomi simili, tra cui:

  • Lupus
  • Sclerosi multipla (cecità derivante da neurite ottica)
  • Miastenia grave (disturbo della debolezza muscolare)
  • Paralisi periodica (debolezza muscolare)
  • Polimiosite (debolezza muscolare)
  • Lesioni del midollo spinale
  • Colpo

Cause e fattori di rischio

Sebbene le cause esatte non siano ben comprese, la ricerca suggerisce che potrebbe essere causato da un flusso anomalo in determinate aree del cervello

Il disturbo di conversione può anche essere una reazione psicologica a un evento altamente stressante oa un trauma emotivo. Ad esempio, un soldato che inconsciamente desidera evitare di sparare con una pistola può sviluppare una paralisi alla mano.

Il disturbo non si sviluppa necessariamente immediatamente dopo l'innesco, quindi è importante rivelare lo stress recente e passato quando parli con il tuo terapeuta.

Altri fattori di rischio del disturbo di conversione includono:

  • Essere donne (le donne hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo).
  • Essere molto coscienziosi, laboriosi, compulsivi e perfezionisti
  • Avere un membro della famiglia con disturbo di conversione (le persone con un parente di primo grado di sesso femminile - sorella, madre o figlia - con disturbo di conversione hanno maggiori probabilità di sviluppare sintomi rispetto alle donne nella popolazione generale).
  • Avere una condizione di salute mentale, inclusi disturbi dell'umore o d'ansia, disturbo dissociativo dell'identità (precedentemente noto come disturbo di personalità multipla) o altri disturbi della personalità
  • Avere tratti di personalità disadattivi
  • Avere una malattia neurologica che causa sintomi simili (come crisi epilettiche non epilettiche in persone che hanno l'epilessia)
  • Storia di abusi fisici o sessuali e abbandono da bambino

La ricerca suggerisce anche che le persone con disturbo di conversione tendono anche ad avere una regolazione emotiva anormale.

Trattamento

Il disturbo della conversazione non è un disturbo che dura tutta la vita. Se tu o qualcuno che ami manifestate sintomi gravi o persistenti del disturbo di conversione, potrebbe essere necessario un trattamento e dipenderà dai sintomi individuali.

Tuttavia, i sintomi possono migliorare da soli con il tempo anche senza trattamento e la maggior parte delle persone migliora con il tempo e le rassicurazioni.

Psicoterapia

È stato scoperto che la psicoterapia, compresa la terapia individuale o di gruppo, la terapia cognitivo-comportamentale (CBT), l'ipnosi, il biofeedback e la terapia di rilassamento, aiuta le persone con disturbo della conversazione a riconoscere fattori scatenanti e sintomi e ad apprendere nuovi modi per affrontarli.

Farmaco

Il tuo medico può prescrivere un farmaco ansiolitico o un antidepressivo per trattare lo stress o l'ansia sottostante che sta causando i sintomi del disturbo di conversione.

Fisioterapia

La terapia fisica viene spesso utilizzata per le persone con disturbi della conversazione che hanno disturbi del movimento, inclusi problemi di coordinazione, equilibrio o deambulazione o arti deboli. È anche importante prevenire eventuali complicazioni secondarie, tra cui debolezza muscolare e rigidità, che derivano dall'inattività.

Metodi di stimolazione cerebrale non invasiva (NIBS)

I metodi di stimolazione cerebrale non invasiva (NIBS), come la terapia elettroconvulsivante (ECT) e la stimolazione magnetica transcranica (TMS), sono possibili trattamenti alternativi per ridurre i sintomi del disturbo di conversione, tra cui debolezza degli arti e paralisi.

Tuttavia, è importante essere consapevoli che questi trattamenti sono considerati sperimentali e mancano studi rigorosi controllati randomizzati. Per questo motivo, questi trattamenti dovrebbero essere considerati con cautela.

far fronte

Oltre al trattamento, l'adozione di alcuni cambiamenti nello stile di vita sano può aiutare a gestire meglio lo stress e l'ansia che causano i sintomi. Questo potrebbe includere:

  • Mangiare una dieta equilibrata.
  • Favorire relazioni positive.
  • Dormire a sufficienza.
  • Praticare tecniche di rilassamento come lo yoga, la meditazione o il rilassamento muscolare progressivo.

In cerca di supporto

Oltre al supporto emotivo, le comunità di supporto online e i gruppi di Facebook possono aiutarti a essere istruito sulle ultime scoperte e approcci alla gestione del disturbo di conversione. Alcuni siti web di social network da considerare includono:

  • Gruppo Facebook sui Disturbi di Conversione (noti anche come Disturbi Neurologici Funzionali)
  • Gruppo Facebook sulla consapevolezza del disturbo di conversione
  • Gruppo di supporto per i disturbi di conversione

Se tu o una persona cara state lottando con il disturbo di conversione, contattate la linea di assistenza nazionale per l'abuso di sostanze e i servizi di salute mentale (SAMHSA) al numero 1-800-662-4357 per informazioni sulle strutture di supporto e trattamento nella vostra zona.

Per ulteriori risorse sulla salute mentale, consultare il nostro database della linea di assistenza nazionale.

Aiuterete lo sviluppo del sito, condividere la pagina con i tuoi amici

wave wave wave wave wave