Cosa sono i disturbi di personalità del DSM?

Cosa sono i disturbi di personalità?

I disturbi di personalità includono 10 condizioni psichiatriche diagnosticabili che sono riconosciute e descritte nella quinta e più recente versione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5).

Ognuna è una malattia mentale distinta definita da tratti della personalità che possono essere abbastanza preoccupanti da creare problemi nel relazionarsi con altre persone in modi sani e possono portare a disagio significativo o menomazione in aree importanti del funzionamento.

tipi

Il DSM-5 organizza i disturbi della personalità in tre gruppi, o cluster, in base a caratteristiche chiave condivise.

Gruppo A

Questi disturbi della personalità sono caratterizzati da comportamenti strani o eccentrici. Le persone con disturbi di personalità del cluster A tendono a sperimentare gravi interruzioni nelle relazioni perché il loro comportamento può essere percepito come peculiare, sospettoso o distaccato.

I disturbi di personalità del cluster A includono:

  • Disturbo paranoide di personalità, che colpisce tra il 2,3% e il 4,4% degli adulti negli Stati Uniti. I sintomi includono sfiducia cronica e pervasiva nei confronti delle altre persone; sospetto di essere ingannati o sfruttati da altri, inclusi amici, familiari e partner.
  • Disturbo schizoide di personalità, che è caratterizzato da isolamento sociale e indifferenza verso le altre persone. Colpisce leggermente più uomini che donne. Le persone con questo disturbo sono spesso descritte come fredde o introverse, raramente hanno relazioni strette con altre persone e possono essere preoccupate per l'introspezione e la fantasia.
  • Disturbo schizotipico di personalità, che presenta un discorso, un comportamento e un aspetto strani, nonché strane credenze e difficoltà a formare relazioni.

Gruppo B

I disturbi di personalità del cluster B sono caratterizzati da comportamenti drammatici o irregolari. Le persone che hanno un disturbo di personalità di questo gruppo tendono a provare emozioni molto intense o a impegnarsi in comportamenti estremamente impulsivi, teatrali, promiscui o che infrangono la legge.

I disturbi di personalità del gruppo B includono:

  • Disturbo antisociale di personalità, che tende a manifestarsi durante l'infanzia, a differenza della maggior parte degli altri disturbi della personalità (la maggior parte non si manifesta fino all'adolescenza o alla prima età adulta). I sintomi includono un disprezzo per le regole e le norme sociali e la mancanza di rimorso per le altre persone.
  • Disturbo borderline di personalità, che è caratterizzato da instabilità nelle relazioni interpersonali, nelle emozioni, nell'immagine di sé e nei comportamenti impulsivi.
  • Disturbo istrionico di personalità, che presenta un'eccessiva emotività e ricerca di attenzione che spesso porta a comportamenti socialmente inappropriati per attirare l'attenzione.
  • Disturbo narcisistico della personalità, che è associato all'egocentrismo, all'immagine di sé esagerata e alla mancanza di empatia per gli altri ed è spesso guidato da una fragilità di fondo nel senso di sé.

Cluster C

I disturbi di personalità del cluster C sono caratterizzati da ansia. Le persone con disturbi di personalità in questo gruppo tendono a provare ansia e/o paura pervasive.

I disturbi di personalità del cluster C includono:

  • Disturbo evitante di personalità è un modello di inibizione sociale ed evitamento alimentato da paure di inadeguatezza e critiche da parte degli altri.
  • Disturbo dipendente di personalità, che comporta la paura di essere soli e spesso induce coloro che hanno il disturbo a fare delle cose per cercare di convincere altre persone a prendersi cura di loro.
  • Disturbo ossessivo-compulsivo di personalità, che è caratterizzato da una preoccupazione per l'ordine, la perfezione e il controllo delle relazioni. Sebbene abbia un nome simile, non è la stessa cosa del disturbo ossessivo-compulsivo (DOC).

Sintomi

I disturbi della personalità tendono a manifestarsi nell'adolescenza o nella prima età adulta, continuano per molti anni e possono causare un grande disagio. Possono potenzialmente causare enormi conflitti con altre persone, incidendo su relazioni, situazioni sociali e obiettivi di vita. Le persone con disturbi della personalità spesso non riconoscono di avere problemi e sono spesso fonte di confusione e frustrazione per le persone intorno a loro (compresi i medici).

Alcuni sintomi dei disturbi della personalità possono rientrare in due categorie: identità personale e funzionamento interpersonale.

I problemi di identità personale includono:

  • Immagine di sé instabile
  • Incoerenze nei valori, negli obiettivi e nell'aspetto

I problemi interpersonali includono:

  • Essere insensibile agli altri (incapace di entrare in empatia)
  • Difficoltà a conoscere i confini tra se stessi e gli altri
  • Stili di relazione incoerenti, distaccati, iperemotivi, abusivi o irresponsabili

Diagnosi

Secondo il DMS-5, una persona deve soddisfare i seguenti criteri per essere diagnosticata con un disturbo di personalità:

  • Modelli di comportamento cronici e pervasivi che influenzano il funzionamento sociale, il lavoro, la scuola e le relazioni intime
  • Sintomi che interessano due o più delle seguenti quattro aree: pensieri, emozioni, funzionamento interpersonale, controllo degli impulsi
  • Insorgenza di modelli di comportamento riconducibili all'adolescenza o alla prima età adulta
  • Modelli di comportamento che non possono essere spiegati da altri disturbi mentali, uso di sostanze o condizioni mediche medical

Diagnosi differenziale

Prima che un medico possa diagnosticare un disturbo di personalità, deve fare una diagnosi differenziale per escludere altri disturbi o condizioni mediche che potrebbero causare i sintomi.

Una diagnosi differenziale è molto importante, ma può essere difficile poiché i disturbi della personalità si verificano comunemente anche con altre malattie mentali. Una persona che soddisfa i criteri per un disturbo di personalità spesso soddisfa anche i criteri per uno o più disturbi di personalità aggiuntivi.

Uno studio, finanziato dal National Institute of Mental Health, ha scoperto che circa l'85% delle persone con disturbo borderline di personalità (BPD) soddisfa anche i criteri diagnostici per almeno un altro disturbo della personalità o dell'umore.

cause

I disturbi di personalità non discriminano. Circa il 10% della popolazione generale e fino alla metà dei pazienti psichiatrici in contesti clinici hanno un disturbo di personalità.

Sebbene gli esperti debbano ancora comprendere appieno le cause dei disturbi di personalità, ritengono che sia i fattori genetici che quelli ambientali svolgano un ruolo.

Circa il 50% dei disturbi di personalità è attribuito a fattori genetici e alla storia familiare. Le vulnerabilità genetiche possono rendere le persone più suscettibili a queste condizioni, mentre le esperienze e altri fattori ambientali possono agire da fattore scatenante nello sviluppo di un disturbo di personalità.

C'è anche un'associazione significativa tra una storia di traumi infantili e abusi verbali. Uno studio ha scoperto che i bambini che subiscono abusi verbali avevano tre volte più probabilità di avere disturbi di personalità borderline, narcisistico, ossessivo-compulsivo o paranoico in età adulta.

Anche l'elevata reattività nei bambini, compresa la sensibilità alla luce, al rumore, alla consistenza e ad altri stimoli, è stata collegata a determinati disturbi della personalità.

Trattamento

Rispetto ai disturbi dell'umore come la depressione clinica e il disturbo bipolare, storicamente ci sono stati relativamente pochi studi su come trattare efficacemente i disturbi di personalità. Molti esperti ritengono che i disturbi della personalità siano difficili da trattare perché sono, per definizione, modelli di personalità di vecchia data. Tuttavia, c'è un numero crescente di trattamenti basati sull'evidenza che si stanno rivelando efficaci per i disturbi di personalità.

In generale, l'obiettivo del trattamento del disturbo di personalità include quanto segue:

  • Ridurre il disagio soggettivo e sintomi come ansia e depressione
  • Aiutare le persone a comprendere l'aspetto dei loro problemi che sono interni a loro stessi
  • Modificare comportamenti disadattivi e socialmente indesiderabili, tra cui avventatezza, isolamento sociale, mancanza di assertività e scoppi d'ira
  • Modificare tratti problematici della personalità come dipendenza, sfiducia, arroganza e capacità di manipolazione

Psicoterapia

La National Alliance on Mental Illness (NAMI) elenca diversi tipi di psicoterapia che possono essere utili nel trattamento dei disturbi di personalità:

  • Terapia dialettica comportamentale (DBT), che insegna abilità e strategie di coping per affrontare gli impulsi legati all'autolesionismo e al suicidio, regolare le emozioni e migliorare le relazioni.
  • Terapia cognitivo comportamentale (CBT), il cui obiettivo, come affermato da NAMI, è "riconoscere i pensieri negativi e apprendere strategie di coping efficaci".
  • Terapia basata sulla mentalizzazione (MBT), che insegna alle persone a notare e riflettere sui propri stati d'animo interni e su quelli degli altri.
  • Terapia psicodinamica, che pone una grande enfasi sulla mente inconscia, dove sono ospitati sentimenti sconvolgenti, impulsi e pensieri che sono troppo dolorosi per noi da guardare direttamente.
  • Terapia familiare, durante il quale i membri della famiglia imparano a cambiare le reazioni malsane l'uno all'altro e ad apprendere abilità comunicative efficaci.
I 9 migliori programmi di terapia online Abbiamo provato, testato e scritto recensioni imparziali dei migliori programmi di terapia online tra cui Talkspace, Betterhelp e Regain.

Farmaco

I farmaci possono essere utili per trattare la depressione o l'ansia associate o comorbili. A seconda dei sintomi, il medico può prescrivere uno o più dei seguenti:

  • Farmaci contro l'ansia
  • Antidepressivo
  • antipsicotico
  • Stabilizzatore dell'umore

far fronte

Imparare a gestire un disturbo della personalità è la chiave per funzionare al meglio. Oltre a cercare un supporto professionale, è importante contattare un amico o un familiare che ti aiuti quando sei alle prese con forti emozioni. Se non hai in mente qualcuno che ti supporti e sei in crisi, chiama una linea di assistenza.

  • Diventa un esperto. Più conosci la tua condizione, più sarai in grado di comprendere e affrontare i sintomi. L'istruzione sulla tua condizione può anche aiutarti a motivarti a continuare il corso del trattamento.
  • Gioca un ruolo attivo nel tuo trattamento. Prenditi del tempo per pensare ai tuoi obiettivi di trattamento durante e dopo le sessioni di terapia. Anche se non ti senti bene, non saltare le sessioni o interrompere l'assunzione dei farmaci senza parlare con il tuo medico. Allo stesso modo, assicurati di rispettare gli appuntamenti regolari.
  • Pratica strategie di cura di sé. L'esercizio fisico regolare e orari coerenti di mangiare e dormire possono aiutare a prevenire gli sbalzi d'umore e gestire l'ansia, lo stress e la depressione. È anche importante evitare droghe e alcol, che possono peggiorare i sintomi e interagire con i farmaci.

Per i propri cari

Se hai una persona cara con un disturbo della personalità, potresti anche trovare utile parlare con un professionista della salute mentale. Un professionista può aiutarti ad apprendere le abilità di coping e come stabilire limiti e mettere in pratica strategie di auto-cura. Anche la terapia di gruppo e i gruppi di supporto possono essere utili risorse di supporto e informazione.

Se tu o una persona cara state lottando con un disturbo della personalità, contattate la linea di assistenza nazionale per l'abuso di sostanze e la salute mentale (SAMHSA) 1-800-662-4357 per informazioni sulle strutture di supporto e trattamento nella tua zona.

Per ulteriori risorse sulla salute mentale, consultare il nostro database della linea di assistenza nazionale.

Aiuterete lo sviluppo del sito, condividere la pagina con i tuoi amici

wave wave wave wave wave