The Verywell Mind Mental Health Tracker: lo stato della salute mentale attraverso le generazioni

Il Verywell Mind Mental Health Tracker è un sondaggio mensile sulla salute mentale e il benessere generale degli adulti che vivono negli Stati Uniti. Pubblicato online, questo sondaggio su 4.000 persone cerca di misurare gli atteggiamenti e i comportamenti attuali, nonché i sentimenti sugli effetti in corso della pandemia di COVID-19.

Di seguito troverai la versione di maggio di The Verywell Mind Mental Health Tracker, originariamente pubblicata il 25 maggio 2021. Per vedere gli approfondimenti e le conclusioni più recenti del nostro sondaggio, dai un'occhiata alle nostre ultime versioni.

Per più di un anno, abbiamo opportunamente focalizzato la nostra attenzione sul benessere fisico delle nostre popolazioni più vulnerabili, comprese le generazioni più anziane che sono più a rischio di COVID.

Ma, ora che i vaccini sono ampiamente disponibili e le restrizioni sulla pandemia si stanno ritirando, dovremmo spostare la nostra attenzione sui bisogni di salute mentale delle generazioni più giovani.

La Gen Z sta vivendo più problemi di salute mentale rispetto alle altre generazioni in questo momento. E i loro livelli di disagio sono piuttosto preoccupanti. Potrebbe essere un momento cruciale per fornire ai giovani il supporto di cui hanno bisogno per andare avanti in un mondo post-pandemia.

Salute mentale attraverso le generazioni

Nonostante i fattori di stress della pandemia, il 65% degli americani afferma che la propria salute mentale è stata "buona" o migliore negli ultimi 30 giorni.

I membri più anziani della Generazione Z di età compresa tra 18 e 24 anni, tuttavia, non si sentono così. Solo il 42% di loro afferma che la propria salute mentale è stata buona o migliore negli ultimi 30 giorni.

Le generazioni più anziane sembrano fare il meglio in questo momento in termini di salute mentale. Ecco la ripartizione degli americani che valutano la loro salute mentale come buona o migliore per generazione:

  • Silenzioso: 86%
  • Boom: 76%
  • Generazione X: 65%
  • Millennial: 59%
  • Generazione Z: 42%

Quasi un terzo degli americani afferma di essersi sentito giù, depresso o senza speranza nelle ultime due settimane, ma la Gen Z è quella che sta lottando di più. Quasi la metà di loro riferisce sintomi di depressione nelle ultime due settimane.

I millennial non erano molto indietro, con il 43% di loro che afferma di aver avuto frequenti problemi di depressione nelle ultime due settimane. Nel frattempo, solo il 30% della Generazione X e solo il 14% dei Boomer hanno affermato lo stesso.

Livelli di stress attraverso le generazioni

Le generazioni più giovani potrebbero avere meno probabilità di sperimentare una buona salute mentale in questo momento perché sono così stressate, più dei loro genitori e nonni.

Un enorme 62% della Generazione Z e dei Millennial afferma di essere stato almeno moderatamente stressato negli ultimi 30 giorni. Solo il 53% della Generazione X e il 35% dei Boomer hanno affermato lo stesso.

In superficie, sembra che i giovani abbiano meno motivi per stressarsi rispetto alle altre generazioni. Dopotutto, potrebbero non avere ancora una famiglia da mantenere e sono cresciuti con smartphone e dispositivi simili, quindi lavorare e imparare da casa potrebbe sembrare più facile per loro.

Ma molti individui della Generazione Z hanno trascorso la pandemia vivendo da soli. La solitudine può svolgere un ruolo importante nella loro angoscia.

Altri potrebbero essere stati incaricati di svolgere compiti di custodia per i fratelli più piccoli che stavano imparando a distanza o per i familiari anziani che avevano bisogno di assistenza per commissioni e faccende durante la pandemia.

La generazione più giovane deve affrontare un mercato del lavoro incerto e un futuro finanziario poco chiaro. E hanno molta meno ricchezza di quelle che avevano le generazioni passate alla loro età. Senza molto di un gruzzolo, il blocco e l'incertezza economica in corso hanno avuto un grave tributo finanziario ed emotivo sui giovani.

Quindi non sorprende che sia la Generazione Z che i Millennial affermino che la loro più grande fonte di stress sono i problemi finanziari. I millennial affermano che la loro seconda maggiore preoccupazione è il COVID, mentre la Generazione Z afferma che i problemi di lavoro sono il secondo maggiore fattore di stress.

Mentre il COVID è un grande fattore di stress per tutte le altre generazioni, la Generazione Z è la meno stressata al riguardo. Forse questo è perché non hanno la stessa probabilità di avere sintomi gravi se lo contraggono.

Alla ricerca di un trattamento di salute mentale

Sebbene ci sia la percezione che i giovani siano più aperti a ricevere aiuto per la salute mentale, dopo tutto, sono cresciuti in un mondo in cui ci sono conversazioni più frequenti sulla salute mentale rispetto agli anni passati, la Generazione Z non riceve abbastanza aiuto .

Complessivamente, il 17% degli americani afferma di aver visto un professionista della salute mentale negli ultimi 30 giorni. Oltre 1 Millennial su 4 ha visto un professionista della salute mentale (27%) seguito da Gen X (23%) e 1 su 5 Gen Z (21%)

Tuttavia, il 43% della Generazione Z ha preso in considerazione l'idea di vedere un terapeuta negli ultimi 30 giorni. Poiché la Generazione Z ha anche meno probabilità di stabilirsi e più probabilità di essere preoccupata per i soldi e il loro lavoro, è possibile che la terapia possa sembrare proibitiva in termini di costi.

Ma la Generazione Z continua a esprimere preoccupazione per lo stigma associato al trattamento della salute mentale.

Nonostante mostrino maggiori segni di disagio, i Millennial e la Generazione Z sono alla pari con le generazioni più anziane perché la terapia del pensiero non è per persone come loro, contrastando l'idea che i giovani americani siano più aperti a cercare aiuto.

Vita post-pandemia

In superficie, potrebbe sembrare che la Generazione Z sia piuttosto ottimista sul fatto che la vita torni alla normalità. Tra lauree a distanza, apprendimento a casa, tempo lontano dagli amici e altri traguardi mancati, la pandemia ha preso molto dai nostri individui più giovani.

Nonostante ciò, in realtà sono più nervosi per la vita post-pandemia rispetto alle altre generazioni.

In generale, gli americani sono sia ottimisti (34%) che nervosi (30%) riguardo all'allentamento delle restrizioni legate al COVID da parte degli stati.

La Gen Z è la più nervosa riguardo alla ripresa delle attività. In effetti, i loro primi tre sentimenti sulla vita post-pandemia sono nervosi (35%), spaventati (25%) e delusi (25%).

Anche i Millennial e la Generazione X sono nervosi, ma sono ugualmente ottimisti. Boomer (40%) e Silent Generation (46%) sono i più ottimisti sul futuro.

La Generazione Z potrebbe essere nervosa a causa della continua incertezza del mercato del lavoro e dell'economia. Molti di loro sono in procinto di prendere importanti decisioni sulla vita in questo momento, dalla scelta di una specializzazione universitaria o di un percorso di carriera alla scelta della città in cui vivere. È difficile fare queste scelte durante una pandemia globale.

Come supportare la Generazione Z

Mentre non vediamo l'ora che le restrizioni continuino a essere revocate, è importante prestare attenzione per garantire che stiamo facendo il possibile per sostenerci a vicenda, in particolare la Generazione Z.

Il supporto potrebbe includere conversazioni aperte e oneste sulla salute mentale, consigliare a qualcuno di parlare con il proprio medico del proprio benessere, offrirsi di aiutare qualcuno a trovare risorse gratuite o a basso costo o fornire compiti pratici che riducono lo stress di qualcuno.

Se hai pensieri suicidi, contatta la National Suicide Prevention Lifeline all'indirizzo 1-800-273-8255 per il supporto e l'assistenza di un consulente qualificato. Se tu o una persona cara siete in pericolo immediato, chiamate il 911.

Per ulteriori risorse sulla salute mentale, consultare il nostro database della linea di assistenza nazionale.

Aiuterete lo sviluppo del sito, condividere la pagina con i tuoi amici

wave wave wave wave wave